Emergenza COVID - 19


Comune di Rapone, © 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.
FATTURAZIONE ELETTRONICA AVVISO AI FORNITORI

 

 


A decorrere dal 31 marzo 2015 il Comune potrà ricevere le fatture esclusivamente in formato elettronico all’indirizzo di posta elettronica certificata:

anagrafe.comune.rapone@pec.it

Le informazioni utili, disponibili anche sull’IPA (Indice Pubblica Amministrazione), sono di seguito riportate:

Denominazione Ente Comune di Rapone
Codice Univoco Ufficio UFR31E
Nome ufficio: Uff_eFatturaPA
Cod.fisc.servizio di F.E. 80002430769
Ultima data validaz. c.f. 25/03/2015
Data di avvio del servizio 31/03/2015
Regione Ufficio Basilicata
Provincia Ufficio PZ
Comune Ufficio Rapone
Indirizzo ufficio Corso Umberto I N.18
Cap ufficio 85020

 

Gruppo Folk

Sia bnritt a chi li venn a ment
r' t' frabcĂ  ngimm a stĂ  cullin
pur' ind a nu pagliar s staj cuntent
pcchè ngè acqua bon e aria fin


Gruppo Folk "A NANINELLA" - RAPONE -

 

Nato nel 1992 con il nome originale di ' Gruppo Folk Rapone '92 ' , questa associazione ha via via acquistato notevole rilievo a livello regionale ed interregionale.
Numerose sono state le partecipazioni a raduni e festival , nonché a serate organizzate in varie parti d'Italia.
Con l'iscrizione alla federazione nazionale , la FAFIT , avvenuta qualche anno fa ,il gruppo si è conquistato un'importante vetrina a livello internazionale.
I canti ed i balli che il gruppo esegue raccontano la vita , la quotidianitĂ  del nostro paese.
Tra i balli i piĂą importanti ricordiamo :

 

a naninella ,da cui prende il nome il gruppo , si ballava a fine giornata lavorativa prolungandosi fino al mattino seguente, e si soleva dire "tarantell' fin' a ghiuorn' ";

l'assut' . Era tradizione fino agli anni '50 che gli sposi rimanessero in casa per una settimana dopo le nozze e il giorno in cui uscivano aveva luogo una seconda festa e si ballava , da qui il nome l'assut' ;

u' ball' ru zampitt' U' zampitt' era la tipica scarpa dei pastori ricavata da pelle di maiale,capra o pecora con lunghi lacci attaccati sopra il polpaccio . Si ballava usualmente durante la transumanza verso la Puglia . La notte i pastori intorno al fuoco ballavano questa danza che aveva un duplice scopo : tener lontano i lupi e svegli i pastori;

a n'dr'zzat' Un palo messo al centro dei danzatori con dei nastri colorati che venivano intrecciati durante la danza , secondo i contadini dall'esito di questo ballo dipendeva il futuro raccolto o la buona riuscita di un fidanzamento ( si riescjh a n'dr'zzat' adda ess' na' bbon' annat' )

Il gruppo esegue anche canti e scene popolari come:

 

padron' va la pigljh - sapit' ch'è succiess' a miezz' Col' - Martin' Mariann'

a spaddat' - l'ammasciat' - r' lascjht' r' zi' Runat' - u matr'monjh a l'Ă ndr'asatt'

Sim puvriedd ma chin r'allgrij
nu'ncj putim accattĂ  lu ricanett
cantam e abbalam p'miezz a r'vij
senza maj perd lu r'spett

 
Banner
Banner
Banner
Banner

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.